Google accesso remoto: impara a usare l’accesso remoto sul PC!

0
39

Accedere a un computer da remoto non è sempre stato un compito semplice, come lo è oggi. Per esempio, per eseguire questo compito in passato, era necessario un software costoso e complicato e anche un po’ di conoscenza tecnica. Tuttavia, grazie ai progressi della tecnologia, questa procedura è diventata molto più semplice. Quindi, vedi in questo articolo come utilizzare l’accesso remoto di Google.

Scopri cos’è Google Voice e come funziona!

Il servizio gratuito di Google Chrome rende semplice l’accesso a qualsiasi computer, sia esso Windows, Mac, Linux o Chrome OS, praticamente da qualsiasi altro desktop o dispositivo mobile. In questo modo, puoi accedere a tutti i contenuti del sistema remoto e anche cliccare come se fossi seduto davanti ad un altro PC.

Google Remote Access può essere utile per accedere al tuo computer personale o di lavoro da lontano ed essere altrettanto prezioso per «spiare» il sistema di qualcun altro per fornire un aiuto pratico senza essere nello stesso luogo.

E la cosa migliore di tutte? È facile mettere in funzione il servizio. Infatti, tutto quello che devi fare è decidere che tipo di connessione vuoi e poi completare alcuni passi veloci, e ti connetterai da remoto come nessun altro.

(Nota che Google Remote Access potrebbe non funzionare con gli account Google gestiti a livello aziendale. In questo scenario, spetta al dipartimento IT)

Usare l’accesso remoto di Google per accedere al proprio computer

Preparare il computer per le connessioni

Se vuoi accedere al tuo computer su un altro dispositivo mobile o desktop, inizia aprendo Chrome sul computer ospite (o scaricando e installando Chrome se stai usando un sistema Windows, Mac o Linux che in qualche modo non lo ha). Quindi, in Chrome, naviga verso il sito di accesso remoto di Google. Per farlo, basta cliccare qui. 

Successivamente, clicca sull’icona della freccia blu circolare all’interno della casella «Imposta accesso remoto». (Se vedi un pulsante blu chiamato «Abilita» invece di una freccia blu, congratulazioni: sei un passo avanti! Quindi salta il prossimo paragrafo)

Ti verrà richiesto di scaricare l’estensione Chrome Remote Desktop. Quindi clicca sul pulsante blu «Aggiungi a Chrome» nella pagina visualizzata e conferma che vuoi continuare. Poi torna alla scheda originale e troverai una richiesta di nome del tuo computer e il pulsante «Avanti».

Dopo aver nominato il tuo computer e aver cliccato sul pulsante «Avanti», ti verrà richiesto di creare un PIN di almeno sei cifre. Per ragioni di sicurezza, avrai bisogno di questo PIN – oltre ad essere loggato nel tuo account Google – per accedere al computer da remoto (Google dice che tutte le sessioni di desktop remoto sono anche criptate per una protezione extra).

Ed è proprio così: il tuo sistema operativo potrebbe mostrare un avvertimento, assicurandoti che vuoi permettere l’accesso all’applicazione per avviare una connessione remota (e alcune versioni di macOS potrebbero anche richiederti di concedere alcune autorizzazioni per l’accesso remoto di Google nelle «Preferenze» del sistema), ma dopo aver confermato questo, la scheda Accesso remoto di Google mostrerà che il computer è online e in attesa.

Disponibilità

Il computer rimane disponibile ogni volta che è acceso e Chrome è in esecuzione (e dato che Chrome normalmente si avvia automaticamente e viene eseguito in background, questo significa che probabilmente sarà disponibile ogni volta che il computer è acceso). Nota che se vuoi che le connessioni rimangano possibili per un lungo periodo di tempo, potrebbe essere necessario visitare le impostazioni di gestione energetica del computer per assicurarsi che il sistema non vada in modalità ibernazione (anche se lo schermo si spegne).

Se vuoi disabilitare le connessioni remote, torna alla pagina di accesso remoto di Google o clicca sull’icona «Accesso remoto di Google» a destra della barra degli indirizzi del browser. Inoltre, puoi cliccare sull’icona del cestino accanto al nome del tuo computer per rimuoverlo dall’applicazione. In alternativa, puoi semplicemente disinstallare l’applicazione completamente cliccando con il tasto destro sull’icona e selezionando «Rimuovi da Chrome».

Connettersi al computer da un altro desktop

Ecco la parte facile: con il computer host pronto per le connessioni, tutto quello che devi fare per accedervi da un altro computer è andare sullo stesso sito Remote Desktop nel browser Chrome. Successivamente, dovrai accedere a Chrome, utilizzando lo stesso account Google utilizzato sul sistema host, ma non avrai bisogno di nessuna applicazione o estensione particolare. In questo modo vedrai il nome del tuo computer e potrai cliccarci sopra per avviare la connessione.

Una volta inserito il tuo PIN, sei «dentro» – e puoi muoverti sullo schermo, cliccare ed eseguire quello che vuoi, e generalmente usare il computer come se fossi seduto davanti a lui. Un pannello accanto allo schermo fornirà opzioni per regolare la visualizzazione e inviare comandi complessi, come Ctrl+Alt+Canc. Inoltre, ti sarà anche permesso di sincronizzare gli appunti tra il computer corrente e il computer ospite, se vuoi, per copiare e incollare il testo senza soluzione di continuità tra i due.

Connessione al computer da dispositivo mobile

Per l’accesso mobile, scarica l’applicazione Chrome Remote Desktop disponibile negli app store per iOS o Android. Finché il tuo telefono è connesso allo stesso account Google utilizzato sul tuo computer, l’applicazione mostrerà automaticamente il computer e ti permetterà di connetterti ad esso con un semplice tocco e digitando il tuo PIN.

Sarai in grado di passare il mouse sul tuo desktop utilizzando le tue dita. Inoltre, puoi scorrere lo schermo strisciando in qualsiasi direzione o zoomare premendo. Nell’applicazione Android, scorrendo verso il basso dalla parte superiore dello schermo, si rivela una barra di controllo che ti permette di passare alla modalità trackpad – in cui puoi cliccare con il tasto sinistro toccando con un solo dito o con il tasto destro toccando con due – e passare alla modalità tastiera per aprire la tastiera su schermo del dispositivo e inserire il testo. Su iOS, clicca sul pulsante del menu nell’angolo in basso a destra dello schermo per accedere alle stesse opzioni.

Non è il modo più elegante per muoversi su un computer – e probabilmente non vorresti usarlo per nessun tipo di lavoro intensivo – ma può essere utile per compiti veloci, come riavviare il tuo sistema da lontano o prendere un file che hai dimenticato di salvare nel cloud.

Usare l’accesso remoto di Google per accedere al computer di qualcun altro

Preparare il tuo computer per le connessioni

Se vuoi vedere lo schermo di qualcun altro, il processo di impostazione di Chrome Remote Desktop è leggermente diverso. E poiché presumibilmente non sarai fisicamente presente sul computer ospite, dovrai fornire queste istruzioni alla persona che sarà presente e potrà completare questa parte dell’installazione.

Sul computer a cui vuoi accedere da remoto, vai alla sezione «Supporto» dell’applicazione Google Remote Access. Poi clicca sulla freccia circolare blu nella casella «Ottieni supporto» e clicca su «Aggiungi a Chrome» nella casella che appare e conferma che vuoi installare l’estensione Chrome Remote Desktop add-on. (Se non vedi la freccia blu, l’estensione è già installata – e sei un passo avanti. Quindi continua)

Ritorna alla tua scheda originale e troverai una richiesta che ti istruirà a cliccare sul pulsante «Genera codice» per dare l’accesso a qualcun altro. Quando lo fai, il sito creerà un codice di accesso unico che rimarrà valido solo per cinque minuti. Condividi quel codice con la persona a cui vuoi accedere – per telefono, in un’e-mail o un messaggio di testo o qualsiasi cosa sia meglio – e poi siediti e aspetta che la connessione inizi.

Connessione al tuo computer da un altro desktop

Una volta che hai il passcode e sei pronto a connetterti, vai semplicemente al sito di Accesso remoto di Google in Chrome su qualsiasi altro computer. Poi inserisci il codice di accesso nella casella «Supporto» e clicca sul pulsante «Connetti» per iniziare.

(Se vuoi connetterti da un dispositivo mobile, dovrai aprire una nuova scheda in Chrome sul tuo telefono, selezionare la casella nel menu principale del browser per richiedere la versione desktop di un sito e poi navigare allo stesso link nell’applicazione mobile di accesso remoto di Google. Tuttavia, questo funziona solo con le connessioni associate al tuo account Google. Quindi non sarai in grado di usarlo in quel contesto).

La persona all’altro capo dovrà cliccare manualmente un pulsante per approvare la connessione (e gli utenti macOS dovranno anche concedere i permessi in Preferenze di Sistema), e poi sarai connesso al computer e potrai cliccare e controllarlo nello stesso modo descritto nella prima parte di questa guida.

Google ha ancora la sua versione originale dell’applicazione Chrome Remote Desktop pubblicata e disponibile sul Chrome Web Store, ma quella versione è ora ufficialmente obsoleta e non è più attivamente supportata o mantenuta. Quindi se lo avevi sul tuo sistema da un uso precedente, ora è il momento di disinstallarlo e passare a questa nuova configurazione.

Usare l’applicazione Chrome Web Store

Per utilizzare l’applicazione di cui sopra devi scaricarla. Per farlo, basta cliccare qui. Una volta installato, clicca sull’applicazione. Una finestra pop-up offre tre opzioni:

  • Condividi questo computer affinché un altro utente lo veda e lo controlli (accompagnato da un pulsante verde facile da vedere chiamato «Condividi»);
  • Visualizza e controlla un computer condiviso (accompagnato da un pulsante leggermente meno ovvio chiamato «Accesso»);
  • Accedi al tuo computer da qualsiasi luogo (accompagnato da un pulsante chiamato «Introduzione»).

Se stai aiutando un amico o un parente meno incline alla tecnologia, sono i primi due (che appaiono sotto la sottovoce «Assistenza remota») ad essere necessari. Ricorda che anche l’altro computer deve avere l’applicazione Google Remote Access installata. In questo modo, l’altra persona deve premere il pulsante verde «Condividi». (Se è la prima volta che lo usano, gli verrà chiesto di scaricare il Google Remote Access Host Installer. Tuttavia, questo è un processo una tantum).

Effettuare la connessione

Quando clicchi sul pulsante verde «Condividi», riceverai un codice numerico di 12 cifre generato casualmente. Questo è il tuo segnale per cliccare sul pulsante «Accesso». Chiedi il codice al tuo amico o parente e inseriscilo nella casella pop-up. L’altra persona riceverà una casella con la domanda «Vuoi permettere a [indirizzo email] di vedere e controllare il tuo computer?». Hanno l’opzione di condividere o cancellare.

Supponendo che abbiano selezionato «Condividi», ora avrai il controllo del loro computer. L’altra persona non perde mai il controllo, ma tu puoi fare tutto quello che puoi sul suo computer, incluso mostrargli come configurare Skype o trovare l’email che ha cancellato per sbaglio.

Mentre lo schermo viene condiviso, ci sarà una piccola casella che ricorderà a te e all’altra persona questo fatto. E dopo alcuni minuti, ci sarà un avviso di «timeout» sul sistema client che devi cliccare o la connessione sarà persa. Questa è una caratteristica di sicurezza, anche se può diventare fastidiosa se hai una lunga sessione.

C’è un modo per aggirare questo problema, ma funzionerà solo in alcuni casi. Ricordi «Accedi al tuo computer da qualsiasi luogo» nella prima finestra di Desktop remoto? Clicca sul pulsante «Inizia». Questo ti chiederà di abilitare le connessioni remote e di fornire un PIN di sicurezza. Una volta fatto questo, sarai in grado di utilizzare il Desktop Remoto da un altro computer semplicemente andando in Accesso Remoto, localizzando il sistema nell’elenco I miei computer, cliccandoci sopra e inserendo il PIN. Poi, non ci saranno limiti di tempo. Tuttavia, c’è un avvertimento importante: devi utilizzare lo stesso account Google su entrambi i sistemi.

Usare l’app sul dispositivo mobile

Anche le versioni per dispositivi mobili di Chrome Remote Desktop funzionano abbastanza bene dopo aver scaricato l’app appropriata. Tuttavia, tieni presente che non sarai in grado di vedere l’intera schermata del cliente sul tuo telefono. Inoltre, dovrai scorrere lo schermo, il che può rendere le cose un po’ difficili.

Chrome Remote Desktop non è l’unico software di accesso remoto disponibile. Per esempio, Windows ha la sua app Remote Desktop e i Mac offrono una funzione di condivisione dello schermo. Ci sono anche molte altre applicazioni là fuori. Tuttavia, Remote Desktop di Chrome rende semplice la condivisione delle schermate attraverso le piattaforme con pochissimo sforzo.

Pro e contro dell’utilizzo di questo strumento

Pro

  • È gratuito. Come qualsiasi altro servizio di desktop remoto proprietario, Chrome Remote Desktop è gratuito. Quindi non hai bisogno di spendere un solo centesimo per uno strumento commerciale se le tue esigenze sono limitate all’accesso ai tuoi dispositivi;
  • È veloce da configurare. Non è necessario essere esperti di tecnologia per eseguire lo strumento sul tuo computer. Se hai il browser Chrome installato, hai quasi finito.

Contro

  • Nessuna chat integrata. La chat di testo integrata è una delle caratteristiche chiave di una grande app di supporto remoto, dato che avrai ovviamente bisogno di scambiare messaggi con l’utente remoto in tempo reale per evitare errori di comunicazione;
  • browser Chrome richiesto. Se non sei un fan di Google Chrome, che consuma molte risorse, lo strumento non fa per te poiché non funziona con altri browser. Inoltre, avrai bisogno di un account Google per utilizzare l’applicazione;
  • Nessun trasferimento di file (drag and drop). Ci sono molte situazioni in cui potresti aver bisogno di inviare un file al computer remoto. Mentre molti strumenti di desktop remoto di terze parti, come FixMe.IT, ti permettono di trascinare i file sul desktop remoto nello stesso modo in cui sposti i file sul tuo schermo, Chrome Remote Desktop non riesce a fare lo stesso;
  • Incapacità di riavviare la macchina remota e riconnettersi automaticamente. Questa è un’altra caratteristica vitale quando si tratta di supportare gli utenti a distanza. Ti permette di riavviare il computer remoto, anche in assenza dell’utente, e di riconnetterti automaticamente senza dover terminare la sessione attiva.
  • Nessuna gestione multisessione. Chrome Remote Desktop semplicemente non può gestire decine di connessioni simultanee con diverse configurazioni di rete, rendendolo inadatto a visualizzare/controllare più dispositivi.

Fonte: Computer World

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Sei stato in grado di utilizzare l’accesso remoto di Google? Lascia il tuo commento. Inoltre, non dimenticare di unirti al nostro gruppo Telegram. Basta cliccare sull’immagine blu qui sotto!