Harmony OS: per saperne di più su questo sistema operativo!

0
64

È molto allettante dipingere Harmony OS come il «piano B» frettolosamente costruito da Huawei per i suoi telefoni. Non è un segreto che la complessa rete di dispute verbali geopolitiche e controversie che ostacolano la capacità di Huawei di fare affari con la più grande economia del mondo potrebbe costringerla a dire addio a una versione di Android sostenuta da Google. La soluzione? Il sistema operativo Harmony – il piano di backup pronto di Huawei se tutto va male.

Vedi anche cos’è iOS!

Solo che non è quello che Harmony OS è veramente.

Il gigante cinese ha dedicato un intero evento al suo nuovo OS alla Huawei Developer Conference 2019. Comunque, in questa storia, parleremo un po’ del nuovo sistema operativo di Huawei. Dai un’occhiata:

Cos’è veramente Harmony OS?

Huawei ha cercato di distillare l’essenza di Harmony OS in un unico slogan: «Un sistema operativo basato su microkernel per tutti gli scenari». Sembra interessante, vero?

Nel cuore, Harmony OS non è un rivale di Android. È un rivale per ogni sistema operativo intelligente che puoi immaginare.

Pertanto, Huawei parla di Harmony OS come il prossimo passo per collegare l’utente finale al mondo digitale in continua evoluzione. Inoltre, Huawei crede che i più grandi cambiamenti stiano arrivando, con l’emergere del 5G, la crescente tecnologia cloud e l’AI.

La vita perfetta dell’IA

Tutto questo si unisce per formare ciò che Huawei ha soprannominato la «vita perfetta dell’IA». Si tratterebbe di una convergenza di tecnologia di prossima generazione che crede che comprenderà tutti i nostri dispositivi a casa e in movimento nei prossimi decenni. Il problema, secondo Huawei, è che molta della tecnologia intelligente che usiamo nella vita quotidiana si rifiuta di lavorare bene con gli altri.

Questo non è affatto un problema nuovo. Molti sistemi operativi sono isolati a causa delle rivalità tra produttori o anche per necessità di hardware.

Lo abbiamo visto anche anni fa con Android. Google ha lottato per riconquistare la stessa magia per le sue piattaforme «indossabili» e TV.

Invece di riutilizzare il sistema operativo, ricostruire le stesse applicazioni e mettere più pioli quadrati in buchi rotondi, Huawei vuole lanciare un nuovo tipo di sistema operativo. Inoltre, l’azienda sostiene di averci lavorato per quasi 10 anni.

«1 + 8 + N»

La visione di Huawei per l’ecosistema Harmony OS inizia con quella che chiama una strategia «1 + 8 + N». All’interno di questa configurazione, l'»1″ è il dispositivo che tutti conoscono già: il telefono cellulare. I telefoni cellulari ci connettono ad amici e familiari in qualsiasi momento e (quasi) ovunque nel mondo. Quindi ha senso usarli come punto di partenza.

L'»8″ rappresenta altri dispositivi, come laptop, tablet, smartwatch, desktop, altoparlanti intelligenti e così via. Infine, la «N» includeva dispositivi di illuminazione intelligenti, telecamere, frigoriferi e così via.

Far funzionare bene tutti questi prodotti l’uno con l’altro è abbastanza complicato, anche se ti affidi solo ai prodotti Huawei. I loro telefoni cellulari usano Android, i loro computer portatili usano Windows, mentre i loro smartwatch usano Lite OS.

Nel concetto, la soluzione di Huawei è semplice: fare un sistema operativo sicuro che possa funzionare su tutti questi dispositivi. Implementare questo concetto, tuttavia, è tutt’altro che semplice.

Progettare un sistema operativo intelligente

Harmony OS è costruito su un singolo kernel, un singolo framework applicativo e utilizza gli stessi servizi di base. Inoltre, Huawei sostiene che rimuovendo il codice ridondante e adottando un modello di programmazione più efficiente basato su un «Deterministic Latency Engine» in tempo reale che rialloca le risorse in tempo reale, Harmony OS rappresenta un passo avanti rispetto alle architetture monolitiche e ibride del kernel come Linux e Android, rispettivamente.

Inclusive, Huawei dice di aver guardato oltre i singoli dispositivi e le risorse hardware isolate. Quindi, invece, ha determinato un insieme di risorse e caratteristiche combinate per creare un tier hardware virtualizzato. Quel set di funzioni condivise comprende caratteristiche più ampie come display, fotocamere, altoparlanti e microfoni. In altre parole, elementi che ricorrono su più dispositivi intelligenti. In questo modo, Harmony OS è in un telefono cellulare o in un PC, così come in una lampadina intelligente con un solo Kb di memoria.

Molti benefici

I potenziali benefici sono numerosi. Ma l’esempio che Huawei presenta è il passaggio da un dispositivo all’altro mentre si usa una singola app senza alcun tempo morto. Stai facendo una chiamata sul tuo cellulare? Perché non andare sul cruscotto della tua auto o sul tablet o sulla TV.

Un altro vantaggio è che le applicazioni Harmony OS dovranno essere scritte solo per una singola piattaforma. Questo è possibile solo grazie al compilatore ARK di Huawei, che offre supporto per più lingue. Pertanto, questo non solo ridurrà il tempo di sviluppo complessivo, ma offrirà anche la compatibilità su più dispositivi senza alcun carico di lavoro extra.

Questo è un grande vantaggio per gli sviluppatori di app e può mettere fine alle lunghe attese per app identiche su più piattaforme.

Tutto questo e la sicurezza avanzata abilitata dall’ambiente micro-kernel tra i dispositivi si aggiunge a un’immagine convincente per gli utenti finali, gli sviluppatori e, forse la cosa più importante, Huawei stessa come azienda che vuole fare da guida in questa nuova era della tecnologia connessa.

Certo, avere un sistema operativo avanzato è molto bello, ma nessuno usa un sistema operativo da solo. Hai bisogno di dispositivi.

E i dispositivi Harmony OS?

Gran parte della fiducia di Huawei deriva dalla sua convinzione di essere una delle poche aziende tecnologiche che ha già le infrastrutture per soddisfare le sue ambizioni. Ed è difficile sostenere che non sia così.

Huawei produce già il proprio silicio Kirin, ha un grande investimento nella tecnologia cloud ed è al centro del 5G. Ha anche un business di dispositivi in forte espansione che copre telefoni cellulari, indossabili, tablet, computer portatili e così via.

In questo modo, Huawei non ha paura di usare questo ampio portafoglio come trampolino di lancio per il suo nuovo OS. Pertanto, il primo prodotto di consumo con Harmony OS è la smart TV Huawei Vision. La TV mostra alcune delle intelligenze basate sull’intelligenza artificiale che Harmony OS promette mentre il dispositivo diventa un centro di controllo HiLink per oltre 900 dispositivi IoT. Inoltre, sarai anche in grado di condividere e trasmettere facilmente contenuti dal tuo telefono cellulare direttamente alla TV. Finora, questi sono gli unici prodotti ufficiali Harmony OS

Nuovi prodotti sono attesi nei prossimi anni

Il rollout di Harmony OS inizia davvero a «prendere piede» nel 2020 con smartwatch e «smart band», unità principali per veicoli e PC. Nel 2021, Huawei dice che questo potrebbe espandersi agli altoparlanti e ad altri dispositivi audio. Già nel 2022 saremo nel regno degli occhiali per la realtà virtuale e non solo.

Gli smartwatch sono un caso particolarmente interessante, dato che Huawei ha già escluso WearOS per il Huawei Watch GT. Anche se su una scala molto più piccola e meno ambiziosa, questo dimostra che Huawei ha almeno un certo «pedigree» nel campo del software.

E i telefoni cellulari?

Tuttavia, c’è una categoria di prodotti che non era da nessuna parte nella roadmap di Harmony OS: lo smartphone.

Mentre si dice che un telefono Harmony OS economico sia in lavorazione, Huawei è rimasta ferma nel suo apparente desiderio di mantenere Android nel suo business mobile.

Come abbiamo visto con la serie Mate 30, Huawei si basa attualmente su una build open source di Android con la sua copertura EMUI sopra, ma nessun accesso nativo ai servizi mobili di Google o alle app di Google. Gli acquirenti del Mate 30 saranno in grado di caricare sideload Gmail, Maps e altre app di Google. Ma la perdita del Google Play Store è un problema difficile da affrontare.

Comunque, è importante notare che Huawei non dovrebbe utilizzare le caratteristiche di Harmony OS sui suoi telefoni per un po’.

Sfide future

L’idea che i principali OEM di smartphone possano abbandonare Android – dimostrabilmente il sistema operativo più popolare per quota di mercato – per il progetto preferito di Huawei sembra assurdo, ma potrebbe ricevere un po’ di supporto dai suoi amici in Cina.

In questo modo, le «grandi aziende tecnologiche» cinesi stanno sostenendo pienamente Huawei nella guerra commerciale con gli Stati Uniti. Inoltre, ci sono stati anche rapporti non confermati dalla regione che Xiaomi, Oppo, Vivo e Tencent hanno testato Harmony OS internamente.

Al momento, tuttavia, è ancora difficile vedere una solidarietà puramente politica che allontani queste aziende dal sistema operativo di Google. Inoltre, Huawei non sta creando Harmony OS come un esercizio filantropico. Open source o no, è un gioco di potere sismico da parte dell’azienda con sede a Shenzhen, che cerca di affermarsi come l’azienda di hardware, software e infrastrutture mobili de facto in Cina. In questo modo, Xiaomi e il contingente BBK non sono così stupidi da non notare che Huawei ha prodotti rivali in quasi tutte le categorie nella roadmap di Harmony OS.

I consumatori devono essere convinti

Tuttavia, non sono solo le aziende che Huawei deve convincere. Harmony OS è incredibilmente difficile da vendere ai consumatori nel suo stato attuale. Il gergo tecnico e le vaghe promesse di migliori prestazioni e funzionalità non sono sufficienti. Componenti cruciali come i piani di Huawei per un app store Harmony OS sono ancora un mistero totale. E a parte la possibilità di cambiare facilmente i dispositivi quando si usa la stessa app, non abbiamo visto altre caratteristiche pratiche che catturino l’attenzione dei consumatori.

Sappiamo che anche le applicazioni Android non sono direttamente compatibili. Huawei sarà in grado di convincere tutti i principali produttori di app a riprodurre i loro prodotti per un’altra piattaforma?

Di nuovo, lo scenario che circonda il Mate 30 è di grande interesse qui. Con il Play Store completamente ostacolato, Huawei si sta rivolgendo alla propria App Gallery, che ospita oltre 45.000 applicazioni e ha 390 milioni di utenti attivi al mese. Questo è molto lontano dagli oltre due milioni di applicazioni del Play Store, ma Huawei spera di livellare un po’ il campo di gioco con un fondo di sviluppo di applicazioni per la sua suite Huawei Mobile Services (HMS).

Bisogna anche convincere gli sviluppatori

Le applicazioni di Facebook come WhatsApp, Instagram e Facebook stesso sono già confermate per il Mate 30 tramite l’App Gallery, e senza dubbio altre saranno annunciate presto. Se il tanto lodato compilatore ARK può facilmente tradurre le applicazioni Android in applicazioni Harmony OS, immagina quanto sarà semplificato il processo per gli sviluppatori che spostano le applicazioni App Gallery sul nuovo sistema operativo di Huawei.

Tuttavia, anche se i Facebook di questo mondo fanno il salto ad Harmony OS, ci sono tutti i cambiamenti che le app di Google ancora non faranno se il divieto commerciale continua. Google potrebbe anche scegliere di limitare l’accesso alla sua famiglia di app nel tentativo di indebolire un potenziale rivale se Huawei abbandonasse del tutto Android.

Che sia per forza o per scelta, il nuovo sistema operativo di Huawei è in rotta di collisione con Android in un modo o nell’altro.

Fonte: Android Authority

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento. Inoltre, non dimenticare di unirti al nostro gruppo Telegram. Basta cliccare su «Canale Telegram» che si trova nell’angolo in alto a destra della pagina!