I migliori 15 film di Stephen King: guardali!

0
36

Stephen King, il maestro dell’horror e uno dei più importanti scrittori americani, ha avuto una carriera di grande successo, grazie alla sua «penna prolifica» e ai molti adattamenti (film) che i suoi libri hanno ispirato, sia al cinema che in TV. Mentre per molti fan, King significa romanzi spaventosi come IT o L’ora del vampiro ed epici come la serie The Dark Tower e The Stand, altri si sono radunati intorno al materiale basato sul suo lavoro. E per una buona ragione: c’è un altro scrittore moderno che ha ispirato così tanti classici del cinema? King potrebbe anche essere il miglior scrittore adattato nella storia della letteratura. Almeno è facile per un nerd pensarlo. 

Guarda anche i migliori film horror disponibili su Netflix!

Ho avuto difficoltà a mettere insieme questa lista e a classificare i film secondo una semplice ragione: tutti i fan dei film di Stephen King cercano cose diverse. In questo modo, alcune persone cercano il prossimo film horror, mentre altre vogliono essere spaventate ad un livello più profondo. E poi ci sono quelli che preferiscono i film più seri, alcuni dei quali sono entrati in questa lista di film di Stephen King. 

I miei gusti metterebbero Dreamcatcher, 1408 e anche la prima metà di IT in TV in questa lista se fosse più lunga, ma ho cercato di giudicare i film che secondo me hanno davvero lasciato il segno sugli spettatori e sull’industria cinematografica. Inoltre, puoi farmi sapere quanto bene ho fatto nei commenti.

Quindi, senza ulteriori indugi, ecco la lista dei 15 migliori film basati sul lavoro di Stephen King:

Questo articolo su Stephen King contiene importanti spoiler.

15. The Survivor

1987 – Diretto da Paul Michael Glaser

È impossibile ignorare un adattamento di King con Arnold Schwarzenegger, specialmente uno folle come questo thriller fantascientifico distopico sui moderni giochi gladiatori presentati come un game show. In questo modo, Schwarzenegger interpreta Ben Richards, un ex pilota di elicotteri accusato di un crimine che lo fa finire in un campo di lavoro, dal quale fugge rapidamente. Mentre fugge, viene coinvolto con un gruppo di combattenti per la libertà che cercano di rovesciare il governo totalitario che ora governa l’America. Alla fine, Richards viene catturato di nuovo e costretto a partecipare al popolare show televisivo chiamato «The Running Man», dove i prigionieri cercano di scappare da mercenari assetati di sangue per avere la possibilità di essere perdonati per i loro crimini. Pensa a Fuga da New York, ma in modo campy e con Schwarzenegger in un terribile costume «futuristico».

Paul Michael Glaser dirige le scene d’azione sopra le righe, che vanno da esilaranti a assolutamente affascinanti. Inoltre, ci sono molti omicidi, cattivi dialoghi e un po’ di umorismo acido. Qualcuno potrebbe chiamarlo cibo spazzatura, ma io lo chiamo un delizioso pasto di quattro portate. E per quanto riguarda l’eredità di questo film, ha predetto l’attuale ossessione della società moderna per la TV virtuale. Per non parlare della grossolana disuguaglianza di ricchezza sfrenata nelle nostre città più grandi. 

14. Secret Window

2004 – Diretto da David Koepp

King ama scrivere di scrittori. C’è Shining, La metà oscura, Bag of Bones, e ha persino incluso se stesso come personaggio nella sua serie Dark Tower. E poi c’è il romanzo Finestra segreta, giardino segreto, che è stato adattato nel film di David Koepp con Johnny Depp. Mentre La metà oscura può essere un esempio più famoso di uno scrittore che soffre di personalità multiple, è Finestra segreta che offre la migliore suspense psicologica. 

Depp è Mort Rainey, uno scrittore che ha appena divorziato e soffre del blocco dello scrittore. A complicare le cose, un uomo violento chiamato John Shooter (John Turturro) si presenta alla baita di Rainey per accusarlo di plagio. In questo modo, Shooter fa di tutto per punire l’eccentrico Rainey, il che si svela rapidamente quando scopre che potrebbe avere più cose in comune con Shooter di quanto non appaia. 

13. The Mist

2007 – Diretto da Frank Darabont

Come Creepshow, The Mist esplora un’epoca horror più classica, solo che questa volta è più Rod Serling che Crypt Keeper. Ma non preoccuparti, The Mist è ancora abbastanza «horror». Frank Darabont ha diretto il film basato sulla novella di King del 1980. Inoltre, troverai che il signor Darabont appare alcune volte in questa lista.

In questo modo, Thomas Jane interpreta David Drayton, un artista intrappolato in un supermercato con gli abitanti di una piccola città del Maine (sempre Maine!) e il loro figlio, mentre una misteriosa nebbia avvolge il mondo intorno a loro. Non sanno che questa nebbia porta con sé una minaccia terrificante da un’altra dimensione. Una minaccia molto affamata. Non tutti sopravvivono a questo teso film di mostri che solleva anche la domanda: «Fino a che punto la gente sopravviverà?».

12. Nel tempo della zona morta

1983 – Diretto da David Cronenberg

Nel tempo della zona morta è fondamentalmente David Cronenberg al suo massimo contenimento. In questo modo, il re del body horror consegna una storia emozionante su un uomo chiamato Johnny Smith che, dopo un incidente d’auto fatale e il risveglio dal coma, scopre di avere la capacità di vedere il passato, il presente e il futuro di chiunque tocchi. Ovviamente, ci sono conseguenze a questo potere crudele: Johnny vede spesso come queste persone o i loro cari moriranno, qualcosa che tormenta l’uomo sempre più recluso.

Christopher Walken offre una performance che definisce la sua carriera nel ruolo del tormentato Johnny Smith, che all’inizio non vuole avere niente a che fare con il suo potere, ma finisce per prendersi la responsabilità di salvare il mondo, anche se questo significa morire nel processo. Inoltre, il cattivo senatore Greg Stillson di Martin Sheen è anche uno spettacolo, specialmente durante un anno di elezioni! 

11. Cujo

1981 – Diretto da Lewis Teague

Mai una Ford Pinto ha conosciuto più terrore che in Cujo, la storia di una madre e un figlio terrorizzati da un cane rabbioso. A differenza di molte delle creazioni di King in questa lista, Cujo prende una direzione più realistica, non importa quanto improbabile sia la situazione. Fortunatamente per noi, l’universo narrativo di King ha un crudele senso dell’umorismo, dove pipistrelli rabbiosi mordono il naso dei gentili San Bernardo e li trasformano in mostri giganti che mangiano le persone. 

È la sensazione claustrofobica di essere intrappolati in una Ford Pinto che fa davvero per me, il calore che colpisce il bambino disidratato mentre sua madre cerca freneticamente di far funzionare la macchina. Alla fine, il film ci racconta una storia commovente della determinazione di una madre a salvare suo figlio. Dee Wallace è la protagonista e dà una performance micidiale in questo film. Inoltre, potresti riconoscerla da altri classici dell’horror come Le colline hanno gli occhi e L’ululato. È anche in ET l’Extra-Terrestre.

10. Doctor Sleep

2019 – Diretto da Mike Flanagan

«Doctor Sleep» è il secondo adattamento di King del regista Mike Flanagan e il suo più ambizioso fino ad oggi. In questo, un sequel del romanzo originale di King e dell’amato film diretto da Stanley Kubrick, Flanagan riesce a raccontare una storia che è fedele al romanzo dello scrittore attraverso il linguaggio visivo creato dal regista. Il risultato è un film che piacerà ai fan dei libri e del classico di Kubrick. 

Ewan McGregor interpreta Dan Torrance, ora un adulto terribilmente segnato le cui lotte con l’alcolismo lo portano in un territorio molto familiare. Fortunatamente, finalmente si disintossica e fa amicizia con Abra Stone, una ragazzina con uno Shine molto potente che è braccata da un culto di vampiri energetici conosciuti come il Vero Nodo. In questo modo, mentre la storia si sviluppa, Dan diventa un mentore per il giovane Abra mentre affronta i fantasmi del suo passato. L’atto finale vede la coppia tornare all’Overlook Hotel per un ultimo confronto con il cattivo leader dei True Knot, Rose the Hat, così come gli spiriti maligni dell’hotel stesso. Non vedrai arrivare il colpo di scena finale!

9. Creepshow – Brivido di paura

1982 – Diretto da George A. Romero

Il film horror antologico di George A. Romero del 1982 è un piacere da guardare. In questo modo, nato dall’amore di King per le vecchie storie horror della EC e della DC da serie di fumetti come Tales from the Crypt e House of Secrets, il film richiama deliziosi momenti di body horror e «black comedy» mentre i molti personaggi colorati diventano sempre più ridicoli in situazioni che includono mostri kelp e cadaveri assassini. Questa è proprio una buona «spazzatura». 

In questo modo, Creepshow consiste in cinque storie, tutte dalla mente e dalla penna di King. I punti salienti includono «The Lonely Death of Jody Verrill», che vede King stesso nei panni di un contadino che incontra un pericoloso organismo alieno quando un meteorite si schianta sulla sua terra, e «They’re Crawling on You», su un germophone afflitto da scarafaggi. Ma il mio preferito è «Something to Tell You», con la compianta, grande Leslie Nielsen nel ruolo di una ricca psicopatica che decide di punire sua moglie e il suo amante in un modo estremamente orribile. E sì, il titolo della storia è un gioco di parole. 

8. Conta su di me

1986 – Diretto da Rob Reiner

Basato sulla novella di King, «The Body», Stand By Me è diverso da qualsiasi cosa gli spettatori si aspettino dallo scrittore nel 1986. Non è un film horror e nemmeno un thriller. È la storia di un gruppo di ragazzi di una piccola città che, mentre cercano una distrazione dalle loro vite travagliate, decidono di cercare il corpo di un ragazzo che è stato presumibilmente colpito e ucciso da un treno di passaggio. 

Count Me In è come il più recente film Hearts in Atlantis. In questo modo, fa un buon lavoro nel catturare l’infanzia a metà del secolo, mostrandoci personaggi di provincia con grande immaginazione che cercano di fuggire dalla periferia. Inoltre, il film è stato anche responsabile dell’astro nascente River Phoenix, scomparso nel 1993.

7. Carrie – The Stranger

1976 – Diretto da Brian De Palma

La cosa di Carrie è che non c’è niente di simile, sia in termini di romanticismo che di film. Quindi, uscito solo due anni dopo il romanzo di King, l’adattamento di Brian De Palma ha fatto guadagnare a Sissy Spacek e Piper Laurie delle nomination agli Oscar, e giustamente. Le loro interpretazioni, quella di una madre mentalmente instabile e bigotta che cresce un adolescente problematico, sono la forza di questo film. In questo modo, ti riempi di paura ogni volta che la Margaret di Laurie rivolge la sua attenzione alla debole Carrie (Spacek), che è terribilmente esclusa a scuola e punita da sua madre per i «peccati» che commette. 

Questo solido esempio di porno tortura psicologica non «cede» mai. Dalla scena d’apertura nello spogliatoio delle ragazze al confronto culminante di Carrie con sua madre, non succede niente di buono alla giovane adolescente per cui facciamo il tifo. E se hai visto questo film, fatti un favore e leggi il romanzo! 

6. Aspettando un miracolo

1999 – Diretto da Frank Darabont

Ti avevo detto che Darabont sarebbe tornato. In questo modo, ha fatto carriera adattando i libri di King, ed è stato sicuramente un bene per lui. Aspettando un miracolo ha dato a Darabont la sua seconda apparizione all’Oscar, con una storia emozionante come il suo primo film in prigione (ne parleremo tra un attimo). Tom Hanks e il defunto Michael Clarke Duncan recitano in questo dramma soprannaturale poliziesco. 

Hanks interpreta l’agente carcerario Paul Edgecomb, responsabile del braccio della morte in una prigione. In questo modo, la storia racconta i molti detenuti, sia sadici che meno cattivi, così come le guardie che li sorvegliano quotidianamente. John Coffey di Duncan è come nessun altro detenuto che Paul abbia mai incontrato, e quella che inizia come la storia di un uomo che sta andando verso la morte per i suoi crimini diventa un anno nella vita di Paul che lo cambierà per sempre. 

5. IT – La Cosa

2017 – Regia di Andy Muschietti

Mentre la miniserie televisiva con l’inimitabile Tim Curry nei panni di Pennywise il Clown sarà sempre vicina e cara ai nostri cuori, è il film di Andy Muschietti del 2017 il miglior adattamento del libro di King di 1.138 pagine. Tuttavia, solo la prima parte di un adattamento in due parti era davvero buona. Ma quello che abbiamo visto nel primo film è ben oltre uno dei migliori film mai realizzati basati sull’opera di King. Parte di questo ha a che fare con il fatto che la tecnologia di oggi permette una migliore visualizzazione. Cose come bambini che galleggiano nella tana di Pennywise e fiumi di sangue che sgorgano dal lavandino del bagno di Beverly Marsh sembrano abbastanza spaventosi e reali con una corretta CGI. 

Ma ciò che rende IT – La Cosa particolarmente buono è il suo cast. Il Club dei Perdenti è così divertente da guardare in questo film che vorresti quasi che ci fossero più film con protagonista questo gruppo disorganizzato di cacciatori di mostri in età scolare. Questo film ha molto cuore e molta paura. Inoltre, Bill Skarsgard è un buon Pennywise. Non buono come Curry, però. 

4. Dangerous Game

2017 – Diretto da Mike Flanagan

Dangerous Game è il miglior film «king» dell’ultimo decennio. In questo modo, Mike Flanagan ha preso un libro che era apparentemente impossibile da trasformare e lo ha trasformato in un incubo visivo, con Carla Gugino, che offre una performance che definisce la carriera nel ruolo di Jessie Burlingame, una donna che si ritrova nella situazione forse più insolita e terrificante di qualsiasi storia di Stephen. Dopo che un eccentrico gioco con suo marito, Gerald (Bruce Greenwood), va terribilmente male, Jessie è spinta a combattere per la sua vita in una capanna isolata nei boschi. 

Braccata da un cane affamato che entra nella baita, Jessie guarda il corpo del marito morto che viene divorato pezzo per pezzo, mentre è perseguitata dal fantasma di Gerald e da un macabro serial killer che si diverte a mangiare i volti dei cadaveri maschili. Quindi, per sopravvivere, Jessie deve affrontare il proprio passato traumatico per trovare la forza di sfuggire ai legami che la legano fisicamente e spiritualmente. Inoltre, aggiungi alcune immagini incredibili di un’eclissi spaventosa che lascia il posto ad un paesaggio onirico surreale e il colpo di scena più oscuro del film e avrai un capolavoro.

3. Crazy Obsession

1990 – Diretto da Rob Reiner

King ha visto i problemi con i fan, li ha vissuti, prima che il resto del mondo iniziasse davvero a vedere il lato brutto di questa devozione. L’ossessione folle è ciò che accade quando qualcuno diventa ossessionato da una celebrità e dal suo lavoro. Dopo che lo scrittore Paul Sheldon (James Caan) esce di strada con la sua auto durante una bufera di neve in Colorado, un’infermiera apparentemente prudente di nome Annie Wilkes (Kathy Bates) salva lo scrittore e lo riporta a casa sua. All’inizio, Annie sembra abbastanza buona, una buona samaritana che ha appena salvato il suo scrittore preferito al mondo, ma l’ammirazione di Annie per lo scrittore diventa rapidamente inquietante, e ciò che si sviluppa è una storia di vero terrore. Colpisce da vicino King, che è stato vittima di diversi stalker nel corso della sua carriera. 

Inoltre, la Bates ruba la scena, offrendo la performance della sua carriera. La terribilmente arrabbiata Annie Wilkes non è solo uno dei più grandi cattivi di King, ma è anche uno dei più grandi nella storia del cinema horror. Se non ti piacciono i mostri o trovi la roba soprannaturale troppo banale, allora Mad Obsession è il film che fa per te. 

2. Un sogno di libertà

1994 – Diretto da Frank Darabont

Il primo dei due film sulla prigione di Darabont basato sul lavoro di King è anche il migliore. In questo modo, con Tim Robbins come Andy e Morgan Freeman come Red, Un sogno di libertà racconta la storia di un uomo ingiustamente imprigionato per l’omicidio di sua moglie. Mentre gran parte della prima parte del film racconta la sofferenza di Andy come uomo innocente in prigione, un’altra storia inizia a dominare, quella di un sistema carcerario corrotto e di come cambia gli uomini imprigionati al suo interno. Robbins, Freeman e Bob Gunton, che interpreta il crudele direttore Samuel Norton, fanno alcuni dei loro migliori lavori in questo film, che è stato nominato per diversi premi Oscar nel 1994, incluso il miglior film. 

Inoltre, Un sogno di libertà si distingue anche come uno dei film più pieni di speranza nell’opera di King. Per molti fan del film, era addirittura una novità che fosse basato su un’opera di King. Ma l’idea che la speranza possa scacciare l’oscurità non era niente di nuovo nel suo lavoro a questo punto. Il film ha effettivamente portato un altro lato dello scrittore al grande pubblico.

1. The Enlightened One

1980 – Diretto da Stanley Kubrick

Come la maggior parte dei critici cinematografici, non posso che essere in disaccordo con King su The Enlightened One di Stanley Kubrick. In questo modo, questo film splendidamente girato è un classico racconto di una famiglia perseguitata da un marito e un padre alcolizzato e dai fantasmi di un hotel inquietante. I colpi di scena nei corridoi dell’Overlook Hotel, i fantasmi che sussurrano e i demoni del passato sono troppo per la famiglia Torrance, che sono le uniche persone che soggiornano nell’hotel durante un inverno fatale.

Il più grande potere dell’Illuminato è l’immaginazione. Come tale, molte delle scene più memorabili del film sono rimaste impresse nella mente dei fan del cinema. C’è il fiume di sangue che esce dall’ascensore dell’hotel, i gemelli alla fine del corridoio e nessuno può dimenticare il maniacale «Ecco Johnny!» di Jack Nicholson mentre prende un’ascia alla porta per trovare sua moglie (Shelley Duvall). Inoltre, questo è uno dei più grandi ruoli di Nicholson e uno dei migliori film di Kubrick nella sua leggendaria carriera. King potrebbe fare molto peggio. 

Fonte: Den Of Geek’s

Ti è piaciuto? Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento. Inoltre, non dimenticare di unirti al nostro gruppo Telegram. Basta cliccare su «Canale Telegram» che si trova nell’angolo in alto a destra della pagina!