L’80% degli americani sperimenta la frustrazione tecnologica quotidianamente, i tuoi clienti sono tra loro?

La tecnologia digitale ha trasformato il modo in cui le persone comunicano, socializzano, lavorano, acquistano, giocano, viaggiano e altro ancora. E questo ha aumentato la loro dipendenza dalla tecnologia, il che lo rende molto più frustrante quando qualcosa va storto.

Frustrazione tecnologica

Secondo uno studio di Asurion, l’80% degli americani sperimenta un qualche tipo di frustrazione tecnologica ogni giorno. Il numero va a 5 al giorno per il 53% degli americani e il 30% afferma che è più di cinque volte al giorno. E ci sono alcuni che esperienza fino a 40 frustrazioni tecnologiche giornaliere.

Se sei un piccolo imprenditore e questa frustrazione è diretta verso il tuo sito Web, l’app mobile o altre presenze digitali, potresti non vedere mai più i tuoi clienti. Ecco perché devi fare tutto il possibile per mantenere tutto alla fine.

Anche se tutto è in forma di punta alla fine, non risolve la frustrazione tecnologica che i consumatori affrontano altrove. E come ha detto Bettie Colombo, portavoce di Asurion, nel comunicato stampa, le persone hanno cose migliori da fare. “Nessuno vuole trascorrere una parte così grande della loro giornata cercando di far funzionare la loro tecnologia come dovrebbe. Dopo tutto, è la cosa che dovrebbe rendere le nostre vite più facili.

ASURION ha Una prospettiva unica sulla frustrazione tecnologica che le persone sperimentano. La società aiuta oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo con i loro problemi relativi alla tecnologia. Per comprendere meglio questi punti deboli, Asurion ha condotto uno studio insieme a Onepoll.

Lo studio ha esaminato le abitudini tecnologiche di 2.000 americani, e questi sono alcuni dei problemi più urgenti identificati dal sondaggio.

La tecnologia più frustrante per gli americani

La tecnologia più frustrante per gli americani è il wifi, il che non è così sorprendente. Considerando la quantità di tempo che le persone sono sul proprio smartphone o laptop usando WiFi, qualsiasi problema relativo alla connessione riceverà rapidamente l’ira degli utenti.

Quattro americani su cinque affermano di essere molto frustrati o in qualche modo frustrati con connessioni lasciate cadere o lente.

Quindi, non essere in grado di connettersi al WiFi è quasi così frustrante, motivo per cui è al numero due. Più di un terzo o 38% afferma di essere frustrato perché non sono in grado di connettersi e un altro 34% è in qualche modo frustrato.

Il fatto che i maggiori problemi sono legati alla connettività evidenzia quanto gli americani si affidano al loro dispositivo mobile. Gli smartphone sono diventati parte integrante del modo in cui le persone vivono oggi. Che si tratti di trovare un luogo o di ordinare cibo, quando questa connettività è persa, la frustrazione è rapida in superficie.

Sono identificati due problemi come il problema numero tre, uno dei quali è anche correlato alla connettività. I download lenti e il buffering e i problemi di accedere al dispositivo o all’app sono frustranti per il 71% degli intervistati.

Alcuni degli altri problemi frustranti relativi alla tecnologia sono la durata della batteria, i crash di computer o app, dimenticando le password e problemi di sicurezza/virus. “Dispositivi frustranti

Per essere frustrati dalla tecnologia, le persone devono usare i dispositivi che causano questa ira. E nella parte superiore dell’elenco c’è lo smartphone. Gli americani sono stati così frustrati con il telefono, il 55% ha dichiarato di averli spezzati dopo averli buttati così forte.

Lo smartphone è la fonte numero uno di frustrazione per il 75% degli americani. Questo è stato seguito da laptop (61%), router Internet (61%), tablet (56%) e dispositivi di streaming (51%).

La frustrazione tecnologica iniziale è solo l’inizio. Gli americani affermano di essere altrettanto frustrati dal tempo necessario per risolvere il problema. Più del 40% afferma di spendere oltre 10 minuti per incidente tecnologico per risolvere il problema. Alcuni incidenti possono richiedere molto più tempo.

Se stai gestendo un’azienda e la tua tecnologia è in calo per più di 10 minuti, ovvero che puoi permetterti di perdere. Assicurati di avere un sistema di backup e recupero in atto in modo da poter correre il prima possibile.

Video:L’80% degli americani sperimenta la frustrazione tecnologica quotidianamente, i tuoi clienti sono tra loro?

Reviews

Related Articles