Quali sono i colori primari

Se ti piace dipingere o fare artigianato, conoscere i colori primari e la loro natura è un elemento essenziale per poter lavorare con le vernici. Fin da quando eravamo piccoli, quando giocavamo e provavamo con i colori, ci rendevamo conto che a seconda dei colori che mescolavamo, appariva un colore o un altro. Sai perché succede?

Abbiamo sentito molte volte parlare di colori primari, ma perché si chiamano così? Cosa sono e cosa possiamo fare con loro? Questi sono alcuni dei dubbi che possono sorgere quando ti viene menzionato questo gruppo di toni, e in un HOWTO rispondiamo a tutti. Scopri quali sono i colori primari , i criteri che utilizziamo per distinguerli e i loro diversi usi.

Potrebbe interessarti anche: Cosa sono i colori secondari Indice

  1. Perché i colori primari?
  2. Colori primari in luce RGB
  3. Colori primari nel pigmento CMY
  4. RYB, i colori primari nel modello tradizionale
  5. Ottieni i colori mescolando le primarie

Perché i colori primari?

I colori primari sono conosciuti con quel nome perché sono i toni che non possono essere ottenuti mescolando nessun altro colore. Sono i più semplici e non provengono da nessuna miscela di colori, come tutti gli altri.

A loro volta i colori primari sono "i genitori" di altri toni e grazie alla loro miscela si possono creare molti altri colori, detti secondari, terziari e complementari, in quanto mescolati.

Colori primari in luce RGB

Prima di tutto, per non commettere errori, dovresti sapere che ci sono due gruppi di colori primari, due classificazioni diverse a seconda di cosa prendiamo in considerazione quando li classifichiamo. Se osserviamo i toni che il nostro occhio osserva dalla luce, i colori primari sono il rosso, il verde e il blu .

La spiegazione è che gli esseri umani hanno tre tipi di cellule fotosensibili, i cosiddetti coni oculari, che ci consentono di catturare il resto della gamma di colori attraverso le onde luminose emesse dai colori primari rosso, verde e blu . Sebbene sia noto che non è esattamente la combinazione di rosso, verde e blu a generare questo effetto, sono questi tre toni che consentono di stimolare in modo indipendente le cellule fotosensibili.

In questo modo, rosso, verde e blu sono stati definiti come i colori primari della luce, conosciuti come RGB dai loro nomi in inglese (rosso, verde, blu). Non è che la luce sia composta solo da questi 3 colori, è che il nostro occhio è solo in grado di rilevare, in prima battuta, questi due colori.

Colori primari nel pigmento CMY

Ora, sicuramente quando ti sei chiesto quali sono i colori primari, non ti riferivi ai tre colori base che il nostro occhio è in grado di catturare, ma ai pigmenti primari, quelli che usiamo nelle vernici, nei colori e nelle stampe.

Quando si parla di stampe, coloranti e pigmenti, si parla di un altro gruppo di colori primari che, uniti in parti uguali, danno origine a colori scuri come la scala di grigi e il nero. Queste sono le tonalità del ciano, magenta e giallo , CMY per il suo acronimo in inglese (ciano, magenta, giallo). Ciano è il nome dell'azzurro, magenta è un rosa scuro simile al lilla, insieme al giallo costituiscono i tre colori primari attraverso i quali possiamo ottenere tutti gli altri colori.

Le stampanti, ad esempio, utilizzano solo questi 3 colori, ma mescolandoli in parti diverse e mescolando le miscele riescono ad ottenere l'intera gamma cromatica.

RYB, i colori primari nel modello tradizionale

Sicuramente questo è quello che ti è stato insegnato a scuola, poiché è il modello tradizionale che è stato presente fino a quando il CMY non lo ha sostituito. L'acronimo RYB deriva dall'acronimo inglese di Red, Yellow and Blue, ovvero rosso, giallo e blu . Così come i colori primari sono il blu, il giallo e il rosso, i colori secondari che nascono dall'unione di questi tre sono il verde, l'arancione e il viola.

Questo modello è nato nel XVI secolo ed è rimasto presente per molti anni, fino a quando CMY, che è considerato un aggiornamento, lo ha soppiantato. Gran parte del motivo per cui questo modello sta cadendo in disuso è lo sviluppo sintetico dei pigmenti, che hanno corretto gli errori sollevati, migliorandolo durante la creazione del modello CMYK . Tuttavia, è abbastanza comune vedere che è ancora utilizzato in molte scuole di belle arti e nei corsi di artigianato e pittura.

Immagine: tecnonics.com

Ottieni i colori mescolando le primarie

Un esercizio molto divertente quando siamo a scuola, e che può sempre essere divertente, è testare tutto il numero di colori che possiamo ottenere mescolando le primarie CMY . Se vuoi scoprirlo, assicurati di dare un'occhiata al nostro articolo su come mescolare i colori, ti divertirai sicuramente a provarlo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali sono i colori primari , ti consigliamo di visitare la nostra categoria Artigianato e tempo libero.

Reviews

Related Articles