Tre modi in cui le piccole imprese possono rimanere sicure e conformi in un mondo distribuito

Per aiutare a raggiungere più clienti e fornire servizi in remoto, ora è il momento per le piccole imprese di aumentare la loro presenza online.

SaaS e integrazioni a basso costo stanno democratizzando gli strumenti aziendali digitali, offrendo alle piccole imprese le stesse capacità delle loro controparti più grandi con meno rischi. Qualsiasi azienda oggi può sfruttare i social media per costruire il proprio marchio e attirare clienti con poco a volte nessun costo, ad esempio.

Mentre questi strumenti hanno un rialzo significativo per le piccole imprese, stanno anche creando grandi e complicati lacune da patch, in particolare per coloro che operano in settori altamente regolati o operano in aree geografiche e giurisdizioni sconosciute.

Man mano che vengono eseguite più transazioni online e le aziende iniziano ad assumere attraverso linee statali e nazionali, le piccole imprese devono assicurarsi che si trovino alle leggi del terreno.

Ecco tre aggiustamenti che le piccole imprese possono apportare se vogliono continuare a negoziare in modo sicuro e conforme in questo mondo distribuito.

1. Implementare strumenti in grado di navigare in regolamenti complessi

La bellezza del lavoro distribuito è che non è limitata dalla geografia o dalle dimensioni dell’azienda. Le aziende

, grandi e piccole, possono procurarsi, assumere, acquistare e vendere a chiunque da qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. E ci sono alcuni vantaggi in questo. Secondo Global Workplace Analytics, un tipico datore di lavoro statunitense può risparmiare una media di $ 11.000 per telelavoro a metà tempo all’anno, semplicemente perché i dipendenti sono più produttivi e l’assenteismo e il turnover sono ridotti in modo significativo quando il personale è autorizzato a lavorare in remoto. Le aziende a loro volta possono risparmiare su spese generali come l’affitto e le utility.

Tuttavia, le piccole imprese devono percorrere attentamente quando prendono l’assunzione a livello internazionale, poiché ciò può aprirli a leggi sull’occupazione non familiari. Allo stesso modo, ciò che costituisce un contratto legalmente vincolante può essere interpretato in modo diverso da un territorio all’altro.

Ad esempio, mentre le eSignature sono regolamentate sia a livello federale che statale ai sensi della legge eSign del 2000, in Europa, segue l’identificazione elettronica, l’autenticazione e i servizi di fiducia (EIDAS). Questo è un pezzo critico per le piccole imprese che hanno bisogno delle loro offerte per resistere legalmente dove operano perché in casi gravi, inavvertitamente infrangere le regole mette a rischio le piccole imprese di multe considerevoli che spesso non possono permettersi. Ad esempio, può costare alle aziende fino a $ 14,82 milioni se non rispettano le normative sulla protezione dei dati dei clienti.

Questo è il motivo per cui le piccole imprese devono cercare strumenti flessibili e costantemente tenuti aggiornati funzionalmente e soddisfare le normative legali, dato quanto sia il frenetico e fluido ambiente digitale di oggi.

2. Proteggi le operazioni anche a distanza

Il passaggio al lavoro distribuito ha visto salire i rischi di sicurezza informatica.

Con la casa di tutti che sostituisce una singola connessione Wi-Fi sul posto di lavoro, le aree di superficie per gli attacchi sono esplose per le aziende di tutte le dimensioni poiché altri stanno lavorando da remoto. L’FBI ha riportato un aumento del 300% del crimine informatico dall’inizio della pandemia.

E i criminali informatici hanno gli occhi su piccoli imprese vulnerabili. Sanno che le piccole imprese semplicemente non hanno la leva per pagare i riscatti, né le risorse di enormi dipartimenti IT a loro disposizione per affrontare attacchi seri. Non sorprende che di tutte le violazioni della carta di credito segnalate, un enorme 95% proveniva da piccole imprese.

Con il 20% delle piccole imprese che cadono vittime di attacchi informatici e di quelli, il 60% che cede l’attività in sei mesi, è prudente avere in atto sicurezza informatica. La cosa allarmante è, tuttavia, il 62% delle aziende afferma di non avere una strategia di sicurezza informatica aggiornata o di qualsiasi strategia.

Nel complesso, un modo non così costante per proteggere l’azienda in questo mondo distribuito è quello di rivedere la tua strategia informatica su una base più frequente e condurre audit più regolari in modo da poter rilevare e affrontare Anomalie più velocemente. Educare i dipendenti sulle migliori pratiche di sicurezza informatica e come monitorare e segnalare adeguatamente eventuali transazioni sospette è un buon punto di partenza.

Il rivestimento d’argento è, le piccole imprese in questi giorni hanno accesso a molti strumenti SaaS progettati per proteggere le piccole imprese dalle minacce informatiche. Ad esempio, uno scanner di vulnerabilità conveniente può aiutare a individuare i punti deboli nei sistemi online prima che gli hacker lo facciano in modo da poter effettuare aggiornamenti del sistema per aiutare a prevenire gli attacchi o gestirlo molto meglio quando accade.

Anche quando tali investimenti sembrano all’inizio, valgono ogni centesimo quando li confronti con il costo di una violazione della sicurezza, che può essere più che monetario.

3. Affronta della frode e proteggere i tuoi clienti

È sempre più comune che le violazioni dei dati e gli attacchi di ransomware provengano all’interno dell’organizzazione in questi giorni. In un ambiente di lavoro distribuito, in particolare, in cui si ha meno supervisione sulle attività dei dipendenti, le frodi sono una minaccia crescente.

L’Associazione degli esaminatori di frode certificati afferma che il 71% delle entità si aspetta che la frode aumenti e il 51% ha scoperto più frodi dall’inizio della pandemia.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti rileva che le aziende perdono $ 50 miliardi a seguito del furto dei dipendenti, con frode interne che rappresentano quasi il 70% dei casi annuali di frode finanziari. Inoltre, con le aziende che rischiano di perdere 1,5 milioni di dollari in media in una singola istanza di frode, è terribile per le piccole imprese avere un piano in atto quando documenti sensibili cadono nelle mani sbagliate.

Che si tratti di transazioni in fallimento, manipolazione di dichiarazioni bancarie e fatture con software di modifica o di forgiarsi identità, strumenti digitali come le eSignature possono aiutare a scoraggiare i comportamenti fraudolenti.

Molti di loro sono dotati di percorsi di audit integrati per garantire che le scartoffie e le transazioni non siano state manomesse. Soluzioni sofisticate come Hellosign sono persino fornite con la tecnologia di hashing, che rende una copia di ogni versione di un documento se devi confrontare con una versione discutibile.

Go Digital in modo sicuro

Poiché le aziende sono più costrette a attraversare completamente il divario digitale, facendo le espone a minacce significative.

È più indispensabile di prima per le piccole imprese per garantire che i flussi di lavoro siano tenuti a e dove opera l’azienda.

Vale la pena investire queste misure e non saranno annullate post-pandemia. Le piccole imprese che li hanno si troveranno in una posizione migliore dappertutto quando il mondo tornerà a se stesso.

Hellosign sta alimentando le piccole imprese al digitale con eSignature sicure, veloci e affidabili. Scopri come le PMI stanno prosperando con Hellosign.

Video:Tre modi in cui le piccole imprese possono rimanere sicure e conformi in un mondo distribuito

Reviews

Related Articles