Google Academic: cos’è e come usarlo!

    0
    35

    Google offre diverse funzioni e strumenti che sono spesso sconosciuti alla maggior parte degli utenti. Uno di questi è Google Scholar. Attraverso di esso è possibile trovare, in modo molto semplice, diversi libri, tesi, abstract e anche articoli scientifici. Inoltre, è possibile trovare materiali realizzati da organizzazioni professionali e pubblicazioni di editori.

    Google Fi: sapere cos’è e come funziona!

    Funziona in modo molto simile al sistema di ricerca di Google ed è anche gratuito. Naturalmente Google Scholar troverà questi contenuti solo se sono in qualche modo resi disponibili su internet. Quindi, questo strumento è un grande alleato per le persone che vogliono saperne di più su certe aree o semplicemente vogliono un aiuto per fare quel difficile lavoro universitario.

    Pertanto, abbiamo fatto un tutorial per te per utilizzare questo strumento estremamente utile e gratuito. Guarda qui sotto:

    Fonte per la ricerca e la pubblicazione di articoli

    La ricerca, la ricerca di riferimenti e citazioni per articoli accademici non è mai stata così facile con la creazione di Google Academic. Nel caso tu non sappia come utilizzare lo strumento, questo articolo lo spiegherà in dettaglio per aiutarti. Inoltre, conoscerà tutto ciò che lo strumento può offrire e ti insegnerà come utilizzarlo passo dopo passo.

    In altri paesi, Google Scholar è conosciuto come Google Scholar. Tuttavia, se ancora non conosci questa sensazionale risorsa di Google, ti innamorerai della praticità nelle produzioni scientifiche che ci porta.

    Com’era la ricerca prima di Google Scholar?

    Prima di internet, era comune che la ricerca accademica fosse fatta attraverso biblioteche complete ed enciclopedie acquistate per studiare a casa. In questo modo era possibile trovare contenuti essenziali per la scuola, l’università o altri tipi di diplomi.

    Trovare il contenuto di riferimento per creare tesi, articoli scientifici, dissertazioni o abstract era abbastanza complicato e richiedeva tempo. Tuttavia, attraverso Internet, la vita accademica è diventata molto più pratica

    Raccogliere materiale di riferimento per scrivere tesi, articoli scientifici, abstract e dissertazioni era laborioso, richiedeva molto tempo e quindi molta pazienza da parte degli studiosi. Dopo tutto, eseguendo una breve ricerca su Google, abbiamo a disposizione centinaia di fonti diverse.

    Tuttavia, con la quantità di dati disponibili in rete che aumenta, è importante tenere a mente che non tutto ha fonti affidabili. Pertanto, abbiamo bisogno di trovare le informazioni giuste in quel mezzo.

    Questo significa che fonti come Wikipedia – che può essere modificata da chiunque -, non garantisce il background delle informazioni. Pertanto, devono essere evitati. Tuttavia, attraverso Google Scholar possiamo trovare una serie di fonti affidabili per documenti accademici, devi solo sapere come usarlo!

    Dobbiamo ancora essere particolarmente attenti alla fonte di ricerca degli articoli e delle tesi disponibili. Tuttavia, la ricerca accademica è diventata molto più veloce e pratica.

    Cos’è Google Scholar?

    Google Scholar è uno strumento di ricerca di Google con un’attenzione speciale per studenti, ricercatori, scienziati, accademici e curiosi. È stato creato nell’anno 2004.

    Inoltre, il servizio funziona come una raccolta di articoli scientifici, tesi, monografie, abstract, libri e dissertazioni. Pertanto, eseguendo la ricerca è possibile trovare tutti gli articoli pertinenti alla tua parola chiave.

    Google Scholar allega contenuti dai database ad accesso aperto come Scielo, Altametric e Wiley, per esempio. In alcuni casi, include risultati da ciò che è disponibile su Google Books.

    Tuttavia, le pubblicazioni protette da paywall non sono incluse. Cioè, qualsiasi materiale che è protetto da copyright e che devi pagare per leggere, non è elencato sulla piattaforma.

    Lo strumento permette anche agli utenti di aggiungere i propri articoli scientifici.

    Come accedere allo strumento?

    Siamo tutti già abituati allo strumento di ricerca Google. Pertanto, basta usare Google Academic in modo simile.

    Per impostazione predefinita, l’utente digita l’argomento o la parola chiave da cui vuole cercare. I risultati appaiono in ordine di rilevanza. In questo modo, considera caratteristiche come il numero di citazioni che l’articolo ha ricevuto, l’autore, la qualità del testo, il luogo di pubblicazione e la fama della ricerca.

    Pertanto, è essenziale che il tuo lavoro riceva il codice DOI. Tale codice aiuta a trovare la tua pubblicazione, oltre a contare quante citazioni sono state fatte al tuo lavoro.

    Sotto, vedi un esempio di rilevanza quando si tiene conto della quantità di menzioni:

    Quando si effettua una ricerca per «customer success» su Google Scholar, il primo risultato è stato menzionato più di duemila volte, mentre il secondo ha meno di 100 menzioni.

    Tuttavia, hai ancora la possibilità di cambiare l’impostazione predefinita e filtrare i risultati come meglio credi. Sul lato sinistro, puoi cercare per date, lingua e periodo specifico.

    Inoltre, puoi creare una notifica per i nuovi articoli pubblicati che soddisfano le tue caratteristiche di ricerca da aggiungere alla collezione dello strumento. Tuttavia, per farlo, devi avere un account sul servizio (se hai una Gmail, gli account sono collegati automaticamente).

    Come usare Google Scholar

    3. Ora, come in Google Conventional, è possibile filtrare i risultati. Questo è essenziale per migliorare la precisione dei risultati ottenuti. Quindi, guarda il pannello situato sul lato sinistro dello schermo e vedi i possibili filtraggi:

    • Momento: Questo è il primo modo di filtrare. Qui puoi scegliere il periodo in cui l’articolo o il testo è stato pubblicato;
    • Tipo di ordinamento: Ordina i tuoi risultati per rilevanza o data;
    • Lingua: Se hai già selezionato questa opzione nella homepage di Google Scholar, puoi ignorarla. Puoi lasciare i risultati nella tua lingua o in qualsiasi altra;
    • Includi brevetti e citazioni: Lascia queste opzioni selezionate se vuoi che Google mostri i risultati dove la parola chiave appare nelle citazioni e nei brevetti. Se non lo vuoi, basta deselezionare l’opzione.

    Ricerca avanzata

    Puoi anche fare ricerche avanzate attraverso questo strumento. Questa opzione è orientata a far sì che i risultati siano più raffinati, secondo il tuo desiderio. Anche se ha il nome «avanzato», è una funzione molto semplice da utilizzare.

    Controlla il passo per passo qui sotto:

    2. Dopo di che si aprirà una nuova finestra con diverse opzioni per rendere la tua ricerca molto più specifica e ottenere i migliori risultati. Puoi scegliere una frase esatta, un numero minimo di parole, escludere certe parole, dove dovrebbe trovarsi la tua parola chiave (Testo o Titolo), l’autore, chi ha fatto la pubblicazione e anche la data. Infine, dopo averlo configurato, basta cliccare sull’icona di ricerca situata nell’angolo in alto a destra della finestra.

    Attraverso la ricerca avanzata, è possibile utilizzare i seguenti criteri:

    • contengono tutte le parole ricercate;
    • hanno la frase esatta ricercata;
    • contengono almeno una delle parole ricercate;
    • non hanno le parole ricercate;
    • contengono le parole ricercate nel titolo dell’articolo o nello sviluppo;
    • per autore;
    • luogo di pubblicazione in caso di riviste, editore o periodico;
    • per data.

    Google Scholar: La mia biblioteca

    Per coloro che hanno effettuato l’accesso al servizio, hanno la possibilità di creare la propria biblioteca con solo i contenuti che li interessano. In questo modo è possibile salvare gli articoli da leggere in seguito, per esempio.

    C’è una sessione dove puoi raccogliere tutte le tue pubblicazioni e anche salvare i risultati trovati nelle tue ricerche. In questo modo, puoi raccogliere tutti i contenuti nello stesso posto. Inoltre, alcuni contenuti sono disponibili anche in formato PDF.

    Per aggiungere pagine alla tua libreria, basta cliccare sull’icona a forma di stella situata proprio sotto la pagina trovata nella ricerca.

    Inoltre, per accedere alla tua libreria, basta cliccare sull’icona a tre barre situata nella parte superiore sinistra dello schermo e poi selezionare «La mia libreria».

    Una volta che hai selezionato «la mia libreria», lo strumento mostrerà tutte le pubblicazioni che hai precedentemente salvato.

    Altre opzioni per utilizzare al meglio la libreria dei contenuti:

    • Se hai molti contenuti salvati nella libreria, puoi cercarne alcuni specifici utilizzando la barra di ricerca;
    • Se vuoi eliminare alcuni lavori dalla lista, seleziona la piccola casella sul lato sinistro e poi clicca sull’icona del cestino nella parte superiore della pagina;
    • Per scaricare il file, seleziona la piccola casella e poi clicca sulla freccia in basso accanto al cestino.

    Google Scholar: Le mie citazioni

    Un’altra interessante caratteristica di Google Scholar riguarda le citazioni. Tuttavia, questa funzione è esclusiva per gli autori. Questo perché tutti i dati sono controllati.

    Attraverso lo strumento puoi vedere come fare menzioni alle pubblicazioni accademiche in tre modi diversi:

    • ABNT (Associazione Brasiliana degli Standard Tecnici);
    • MLA (Modern Language Association);
    • APA (American Psychological Association).

    Pertanto, devi solo selezionare l’icona delle virgolette che si trova sotto ogni pubblicazione nel servizio. Google Schoolar fornisce i riferimenti bibliografici completi del contenuto. In questo modo non hai bisogno di formattarli.

    Inoltre, sotto «Le mie citazioni», puoi monitorare quante volte i tuoi articoli sono stati menzionati da altri.

    In questo caso, tutti gli articoli scientifici che hanno una citazione pubblicata da te saranno disponibili. Quindi, è un ottimo modo per controllare quanto il tuo lavoro sta influenzando le altre persone. Tuttavia, affinché questo funzioni nel modo giusto, devi fare tutta la tua registrazione in «Il mio profilo», mettendo i tuoi dati e gli articoli di cui sei autore che sono stati pubblicati.

    Inoltre, la tua rilevanza aumenta se hai un DOI, che è un identificatore riconosciuto in tutto il mondo. In questo modo, i tuoi contenuti possono essere citati correttamente in tutto il mondo.

    Avvisi

    Puoi anche ricevere avvisi su determinati argomenti, così ogni volta che viene pubblicato qualcosa relativo all’argomento desiderato, riceverai un avviso. Creare un avviso è molto semplice, basta andare nel menu a tre barre e cliccare su «Avvisi». Nella nuova pagina, seleziona il pulsante «Crea avvisi». Poi, inserisci la tua parola chiave e l’indirizzo e-mail per ricevere l’avviso. Infine, clicca su «Crea allarme».

    Metriche

    Infine, c’è la possibilità di filtrare la ricerca attraverso gli indici delle metriche. Questi indici funzionano come un modo per indicizzare il contenuto. Per esempio, c’è l’indice H e l’indice I10. Tuttavia, Google Scholar utilizza una propria metrica, chiamata «indice H5».

    Secondo lo strumento, tale indice serve per indicizzare i contenuti pubblicati negli ultimi cinque anni. Cioè, è il numero h più alto di un articolo, di cui h pubblicazioni pubblicate tra il 2014 e il 2018 citate almeno h volte ciascuna.

    Inoltre, l’utente può cercare contenuti più rilevanti in altre lingue secondo i propri criteri.

    Le metriche ti permettono di analizzare rapidamente e praticamente la visibilità e l’influenza di alcuni articoli accademici pubblicati di recente. Per questo, basta inserire «Metriche» nel menu delle tre barre e vedere i soggetti. Inoltre, nel caso tu voglia saperne di più su uno di essi, basta cliccare sul suo «indice h5».

    Cliccando su questa opzione, lo strumento mostrerà una top 100 dei materiali più rilevanti.

    Vantaggi dell’utilizzo di Google Scholar

    Dopo aver letto tutto questo articolo, non c’è dubbio che sia un grande strumento per la ricerca scientifica. Tuttavia, in seguito sottolineeremo i vantaggi dell’utilizzo di Google Schoolar:

    Fonte affidabile

    Dato che i materiali indicizzati sono tutti provenienti dalla ricerca scientifica, rende lo strumento un successo affidabile. La maggior parte di loro proviene anche da riviste e altri giornali scientifici. In questo modo è molto più sicuro che usare lo strumento standard di Google.

    Inoltre, lo strumento permette di visualizzare il numero di volte che la pubblicazione è stata citata da altre pubblicazioni. Pertanto, c’è più credibilità e rilevanza.

    Gratis da usare

    Non è necessario pagare nulla per utilizzare Google Scholar. Tuttavia, l’utente trova milioni di informazioni affidabili. Inoltre, non c’è nessun valore aggiunto per gli utenti che vogliono allegare i propri documenti sulla piattaforma.

    Grande collezione disponibile

    Contrariamente a quanto la maggior parte delle persone pensa, Google Scholar ha molto più che articoli scientifici. La collezione include anche tesi, dissertazioni, abstract scientifici e libri. Inoltre, i materiali sono presi da importanti riviste e giornali, come Scielo.

    Anche gli stessi utenti possono allegare le loro pubblicazioni accademiche allo strumento. Così, rende l’accesso alle informazioni facile e pratico, oltre ad inserire nuovi ricercatori in un posto rilevante.

    Ricerca raffinata

    Lo strumento fornisce anche una ricerca avanzata. Attraverso di essa, l’utente può raffinare i risultati della ricerca. In questo modo, ottieni solo quelli che sono veramente rilevanti per te e per il tuo lavoro. Pertanto, eseguire un’analisi accurata di ciò che sarà incluso in ciò che stai scrivendo è più semplice.

    Spazio di pubblicazione

    Ultimo ma non meno importante, Google Scholar diventa uno spazio di pubblicazione. Come detto prima, gli autori stessi possono allegare le loro pubblicazioni alla piattaforma. Questo è ottimo per coloro che vogliono aumentare la visibilità e la credibilità del loro lavoro scientifico.

    Esiste un’applicazione mobile di Google Scholar?

    Finora, Google non ha lanciato una versione mobile per Google Scholar. Tuttavia, puoi accedere allo strumento normalmente attraverso il browser del tuo cellulare. Inoltre, se fai una breve ricerca nell’app store dello smartphone, puoi trovare alcune applicazioni non ufficiali che possono essere utilizzate per effettuare ricerche.

    Google Scholar Button

    Per coloro che utilizzano i browser Chrome e Firefox, è possibile installare un pulsante Google Scholar attraverso un’estensione. Tale pulsante rende la ricerca attraverso il contenuto di qualsiasi pagina più agile.

    In questo modo, segni una parte del testo che vuoi cercare e selezioni il pulsante dello strumento. I risultati più rilevanti saranno poi presentati in una nuova finestra.

    Come aiuta Google Scholar i nuovi ricercatori?

    Se sei un ricercatore all’inizio della tua carriera, è importante che la tua ricerca sia notata da quanti più studenti e ricercatori possibile.

    Una volta che il tuo articolo diventa rilevante nel mondo accademico, può attirare molte nuove opportunità. Per esempio, opportunità di eventi, sovvenzioni per la ricerca o anche per far conoscere meglio la tua area di ricerca.

    Inoltre, la piattaforma ti aiuta in modo affidabile a ottenere riferimenti affidabili per la citazione.

    Tuttavia, è importante avere la registrazione del tuo ricercatore in Google Academic. Vedi il passo per passo qui sotto:

    Come eseguire se registrare Google Schoolar?

    Per prima cosa, devi avere un account su Google Scholar. Quindi, vai sulla piattaforma e nella parte superiore della pagina, seleziona «Il mio profilo». Tuttavia, devi avere un account Google, se non ce l’hai, dovresti prima crearne uno.

    Nella pagina «Il mio profilo» potrai modificare il tuo account Google Scholar.

    È essenziale aggiungere quanti più dati possibili, come la foto del profilo, l’email istituzionale, le affiliazioni e le aree di interesse. Si raccomanda che il profilo del ricercatore sia pubblico. In questo modo l’utente diventa più visibile alle altre persone.

    Una volta creato il profilo, basta aggiungere le tue pubblicazioni scientifiche.

    Come inviare le tue pubblicazioni?

    Puoi inviare le tue pubblicazioni scientifiche manualmente sulla piattaforma Google Scholar. Il passo è semplice:

    • Innanzitutto, apri la pagina di Google Scholar;
    • Seleziona «Il mio profilo»;
    • Poi, clicca sull’opzione «aggiungi articolo manualmente»;
    • Inserisci i dati dell’articolo: titolo, autore/i, data/e di pubblicazione, volume, editore e istituzione;
    • Seleziona «salva»;
    • Infine, se tutto è stato compilato correttamente, apparirà l’opzione «aggiungi articolo al tuo profilo».

    Fatto! Ora il tuo lavoro sarà allegato a Google Schoolar.

    Segui il tuo profilo

    Per i ricercatori un consiglio interessante è quello di seguire il proprio profilo sullo strumento. Per farlo, segui i passi:

    • Innanzitutto, apri il tuo profilo sul servizio;
    • Poi, in cima alla pagina sul lato destro, seleziona «segui»;
    • Inserisci la tua email e crea un nuovo avviso.

    In questo modo, se Google aggiunge un nuovo articolo al tuo profilo o il tuo articolo riceve una nuova menzione, sarai avvisato via e-mail.

    Questa è un’opzione incredibile per vedere gli aggiornamenti di altri ricercatori o studenti che citano il tuo lavoro in qualche scritto accademico. Inoltre, ti apre la possibilità di contattare gli autori e parlare della ricerca o espandere le tue conoscenze sull’argomento trattato.

    FAQ

    Per accedere a Google Academic, dovresti andare su «scholar.google.com». Ti verrà quindi mostrata la familiare interfaccia di ricerca di Google. Ora, devi solo digitare ciò che vuoi cercare.

    Una volta che sei entrato nel dominio di Google Scholar, devi digitare la parola chiave e cliccare su cerca. C’è ancora l’opzione di «ricerca avanzata» nell’angolo in alto a sinistra, in cui puoi raffinare la tua ricerca come vuoi.

    Se hai definito il tuo argomento di ricerca, puoi accedere a Google Academic. Attraverso di esso, avrai accesso a una banca di articoli accademici rilevanti per rendere la tua ricerca più ricca.

    Usare Google Scholar è abbastanza semplice: puoi eseguire ricerche semplici o avanzate. Ma in aggiunta, puoi esplorare altre caratteristiche come la mia libreria, le mie citazioni, gli avvisi e le metriche.

    Fatto! Ora sai come utilizzare lo strumento Google Scholar. Usalo per aumentare le tue conoscenze e per aiutare il tuo lavoro al college.

    Ti è piaciuto? Usi Google Scholar? Lascia il tuo commento. Inoltre, non dimenticare di unirti al nostro gruppo Telegram. Basta cliccare sul pulsante «Canale Telegram» in alto a destra della pagina.